«I farmaci antidepressivi: il crollo di un mito»

Dalle pillole della felicità alla cura integrata, di Irving Kirsch.
Tratto da un articolo pubblicato su «La Repubblica» del 2/10/'12, di R. Bottaccioli


«Come la maggior parte delle persone, pensavo che gli antidepressivi funzionassero»: a dichiararlo è l'autore del libro, Irving Kirsch, Professore di Psicologia presso l’Harvard Medical School negli Stati Uniti e l’Università di Plymouth nel Regno Unito.
Ne era convinto anche lui, come tanti, prima del suo lavoro di ricerca: questo studio ha evidenziato diversi problemi e incongruenze in merito alla reale efficacia di questi farmaci. La pubblicazione di questi risultati ha generato un vero e proprio ‘putiferio’, ancora non del tutto sedato, che tocca pazienti, medici e case farmaceutiche.

Tramite l’Atto di libera informazione (Freedom of Information Act), Kirsch ha avuto accesso a studi clinici che le case farmaceutiche avevano tenuto nascosti al grande pubblico e al mondo medico. Ciò che ha scoperto e documentato in questo libro promette cambiamenti rivoluzionari nel modo in cui la società percepisce e consuma gli antidepressivi: questi farmaci sembrano maggiormente efficaci nelle gravi forme depressive, mentre in quelle leggere o moderate sembrano avere un effetto lieve se non addirittura nullo.

Il libro ci mostra una realtà che, forse, molti hanno fino ad oggi ignorato: la depressione non può essere vista come un semplice squilibrio chimico del cervello. Gli antidepressivi presentano effetti collaterali più significativi di qualsiasi altra forma di trattamento e sono solo marginalmente più efficaci dei placebo.

I risultati di questa ricerca impongono un cambiamento radicale in direzione di un approccio integrato alla cura della depressione.
Come hanno fatto gli antidepressivi a ottenere la fama di soluzione miracolosa per la depressione? E perché ci è voluto così tanto tempo prima che qualcuno contestasse pubblicamente un fatto ritenuto certo? Rispondere a queste domande ci porta dove il confine tra ricerche cliniche e marketing scompare.

 

Irving Kirsch, docente universitario e ricercatore, ha pubblicato otto libri e numerosi articoli scientifici sull’effetto placebo, sulla terapia con antidepressivi, sull’ipnosi e sulla suggestione. I suoi articoli sono apparsi su Science, Science News, New Scientist, New York Times, Newsweek e BBC Focus.

 

Vai all'articolo: USA: presidenti psicopatici? Uno studio interessante...


© 2008-2018 Giorgia Aloisio

  |  Home

Privacy Policy

Informativa su uso dei cookies
Il sito non utilizza cookie per fini di profilazione ma consente l’installazione di cookie di terze parti anche profilanti. Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie di terze parti. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informaiva completa cliccando sul tasto "Più Informazioni".